L’ALBERO DELLA VITA DI AVATAR È UN GLICINE GIAPPONESE

Una maestosa cascata color lilla, che scende dal cielo formando magnifiche arcate ricoperte interamente di fiori di glicine. Siamo nell’Ashikaga Flower Park in Giappone, a circa due ore di treno a nord di Tokyo. È qui che il designer britannico Peter Lourenco ha fotografato un bellissimo glicine ultrasecolare in piena fioritura, da cui il regista James Cameron ha preso spunto per il suo film Avatar, dove l’Albero della Vita ricorda moltissimo questa incantevole pianta. L’esemplare ha 146 anni e con la sua chioma copre oltre 1.800 metri quadrati quando è in piena fioritura.

 

IL “FUJI” IN GIAPPONE

Passeggiando per le strade o rilassandovi al parco vi sarà capitato di respirare l’aroma dei glicini in fiore, che sbocciano proprio in questi giorni di primavera. E se in Europa questa pianta è molto diffusa, lo è ancora di più nel suo paese originario, il Giappone, e in particolare nella città di Ashikaga. All’interno del parco si contano infatti più di 350 piante ultrasecolari di una ventina di specie diverse, diventate patrimonio naturale del Paese. Lo spettacolo più incredibile ha luogo però durante il Great Wisteria Festival, organizzato ogni anno per un mese, da metà di aprile e fino a metà maggio. È lì che i visitatori possono immergersi nel famoso Wisteria Tunnel, il tunnel di glicini lungo 80 metri che permette di camminare sotto un’incantevole cascata color lilla, in un vortice di profumo.

 

L’ORIGINE DEL GLICINE

Il glicine, in giapponese “fuji”, è un arbusto che nasce originariamente proprio tra la Cina e il Giappone. Secondo alcuni, dall’Oriente è arrivato in Europa attraverso i semi portati da Marco Polo, come rarità dei Paesi visitati durante il suo leggendario viaggio. Secondo altri, il primo glicine venne importato in Gran Bretagna nel 1816 dal capitano Welbank, e poi si diffuse rapidamente nei giardini del vecchio continente.

 

IL GLICINE COME PIANTA ORNAMENTALE

Il glicine è una delle piante ornamentali più belle, con i suoi fiori dalle tante tonalità che variano dal lilla al viola al bianco. Oltre a questo, è anche molto resistente: la pianta può crescere in vaso, sopporta bene vari tipi di clima e resiste anche allo smog, il che lo rende perfetto per i giardini e le terrazze delle città.